Panel of Strategies

un modello AIAF a supporto della strategia di investimento

Socio Responsabile: Giacomo Fedi

Il Portfolio Luglio 2024

Per il terzo trimestre la view del Panel Strategist si conferma positiva per i mercati azionari e obbligazionari, con un diffuso miglioramento per entrambe le asset class. Sull’equity migliora il giudizio sull’Area Euro, da leggermente positivo a positivo, così come quello sull’Italia, che passa da neutrale a leggermente positivo; la view sull’equity USA, invece, subisce un marginale deterioramento, scivolando da positiva a leggermente positiva.

Per il terzo trimestre la view del Panel Strategist si conferma positiva per i mercati azionari e obbligazionari, con un diffuso miglioramento per entrambe le asset class. Sull’equity migliora ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Aprile 2024

In aprile il Panel Strategist ha registrato un peggioramento dei giudizi per 8 asset class su 16: in particolare sono state riviste al ribasso le view su alcuni mercati obbligazionari, sul mercato monetario, sull’euro rispetto al dollaro e allo yen, e sul petrolio. Il giudizio è sceso da positivo a neutrale per i Corporate Bond USA ed Euro, da positivo a leggermente positivo per l’equity Giappone e per i bond Italia.

In aprile il Panel Strategist ha registrato un peggioramento dei giudizi per 8 asset class su 16: in particolare sono state riviste al ribasso le view su alcuni mercati obbligazionari, sul ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Gennaio 2024

Il 2024 si apre con un diffuso ottimismo fra i partecipanti al Panel: nessuna asset class registra giudizi negativi e tutti i mercati obbligazionari iniziano l’anno con valutazioni positive.
Ben tre mercati azionari su cinque hanno registrato un miglioramento della view: l’equity USA e Giappone sono passati da leggermente positivi a positivi e quello europeo da neutrale a leggermente positivo.

Il 2024 si apre con un diffuso ottimismo fra i partecipanti al Panel: nessuna asset class registra giudizi negativi e tutti i mercati obbligazionari iniziano l’anno con valutazioni ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Ottobre 2023

Nonostante il conflitto fra Israele e Hamas i mercati finanziari mantengono, almeno fino ad ora, un certo equilibrio, spingendo gli investitori a mantenere moderatamente elevata la propensione al rischio Tant’è, infatti, che per il quarto trimestre la view del Panel Strategist resta mediamente positiva sull’equity, con tutte le asset class azionarie che vedono confermati i giudizi rispetto al trimestre precedente.

Nonostante il conflitto fra Israele e Hamas i mercati finanziari mantengono, almeno fino ad ora, un certo equilibrio, spingendo gli investitori a mantenere moderatamente elevata la propensione al ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Luglio 2023

La vicinanza della fine dei rialzi dei tassi ufficiali da parte della FED induce propensione al rischio sui mercati finanziari e ottimismo fra gli operatori, spingendo il Panel Strategist a migliorare la view tanto sui mercati azionari quanto su quelli obbligazionari: a luglio il giudizio sull’equity USA sale da neutrale a leggermente positivo e quello sui corporate bond USA e sui bond emergenti da leggermente positivo a positivo.

La vicinanza della fine dei rialzi dei tassi ufficiali da parte della FED induce propensione al rischio sui mercati finanziari e ottimismo fra gli operatori, spingendo il Panel Strategist a ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Aprile 2023

Per i prossimi tre mesi il Panel of Strategies AIAF recepisce un aumento dell’avversione al rischio: sono infatti peggiorati i giudizi sull’equity USA, sui corporate bond USA e sui bond emergenti; per l’azionario americano la view è scesa da leggermente positiva a neutrale e per le altre due asset class da positiva a leggermente positiva.

Per i prossimi tre mesi il Panel of Strategies AIAF recepisce un aumento dell’avversione al rischio: sono infatti peggiorati i giudizi sull’equity USA, sui corporate bond USA e sui bond ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Gennaio 2023

In questo inizio d’anno sono ancora le Banche Centrali a guidare il sentiment degli investitori e le dinamiche dei mercati finanziari, in un contesto di politiche monetarie tenacemente restrittive pur sempre più vicine al picco del ciclo di rialzo dei tassi ufficiali. La retorica delle Banche Centrali, infatti, è ancora incentrata sulla lotta all’inflazione, e il rallentamento della crescita economica, con l’eventuale recessione che potrebbe manifestarsi nei prossimi trimestri, soprattutto in Europa, non sembrano preoccupare i banchieri centrali.

In questo inizio d’anno sono ancora le Banche Centrali a guidare il sentiment degli investitori e le dinamiche dei mercati finanziari, in un contesto di politiche monetarie tenacemente ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Ottobre 2022

L’incertezza del quadro macroeconomico generale, i timori di una probabile contrazione dei margini aziendali complici il raffreddamento della domanda e la persistenza dell’inflazione, e l’aumento dei rischi di recessione nei prossimi trimestri, soprattutto in Europa, hanno indotto un aumento della dispersione dei giudizi degli Strategist per il 4Q22 sulla grande maggioranza delle asset class, in particolare sull’equity e sul cambio euro/dollaro.

L’incertezza del quadro macroeconomico generale, i timori di una probabile contrazione dei margini aziendali complici il raffreddamento della domanda e la persistenza dell’inflazione, e ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Luglio 2022

Soprattutto due elementi sono in evidenza questo trimestre:

  1. prima di tutto sono migliorati tutti i giudizi sulla componente obbligazionaria, laddove tanto i bond governativi quanto i corporate hanno registrato un incremento delle valutazioni da negative o da leggermente negative a neutrali, con le attese sui bond emergenti che sono passate da neutrali a leggermente positive. Significa che sono aumentati in maniera importante i rischi di recessione, non solo in Europa dove la crisi energetica è più forte, ma anche negli Stati Uniti.
Soprattutto due elementi sono in evidenza questo trimestre: prima di tutto sono migliorati tutti i giudizi sulla componente obbligazionaria, laddove tanto i bond governativi quanto i ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Aprile 2022

La view degli strategist sui mercati azionari relativa al secondo trimestre è peggiorata sensibilmente rispetto a quella dei primi tre mesi dell’anno, e solo in alcuni casi leggermente: per i mercati americano, europeo e italiano il giudizio è sceso da positivo a neutrale; per quelli giapponese e dei mercati emergenti la view è passata da positiva a leggermente positiva.

La view degli strategist sui mercati azionari relativa al secondo trimestre è peggiorata sensibilmente rispetto a quella dei primi tre mesi dell’anno, e solo in alcuni casi leggermente: per i ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Gennaio 2022

All’inizio del 2022 il consenso dei partecipanti al Panel of Strategies AIAF insiste nel privilegiare le componenti azionarie a scapito di quelle obbligazionarie; il quadro congiunturale appare, in verità, molto più incerto rispetto a quello dello scorso anno: il forte rialzo dell’inflazione registrato negli ultimi mesi ha spinto la FED a cambiare atteggiamento in senso più restrittivo con l’annuncio della fine degli acquisti di titoli sul mercato (tapering) già a marzo e l’inizio dei rialzi dei tassi ufficiali subito dopo.

All’inizio del 2022 il consenso dei partecipanti al Panel of Strategies AIAF insiste nel privilegiare le componenti azionarie a scapito di quelle obbligazionarie; il quadro congiunturale ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Ottobre 2021

Il contesto generale appare ancora favorevole agli investimenti azionari rispetto a quelli obbligazionari, in ottica sia macro, sia microeconomica: la crescita rallenta ma resta elevata, l’inflazione morde il freno ma per il momento molte aziende riescono a scaricare a valle l’aumento dei costi, e le Banche Centrali mantengono un profilo accomodante, pur con la FED pronta ad iniziare il tapering (diminuzione degli acquisti di titoli sul mercato) entro la fine dell’anno. La pressione al rialzo dei rendimenti è attesa penalizzare ancora le asset class obbligazionarie, spingendo la liquidità verso le attività a più alto rischio.

Il contesto generale appare ancora favorevole agli investimenti azionari rispetto a quelli obbligazionari, in ottica sia macro, sia microeconomica: la crescita rallenta ma resta elevata, ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Luglio 2021

Dopo i significativi rialzi messi a segno da quasi tutti i mercati nel corso della prima metà dell’anno (S&P500, Nasdaq ed EuroStoxx600 sono su massimi storici assoluti), le stime sul secondo semestre sono diventate più volatili con un aumento significativo della dispersione fra i giudizi dei partecipanti al Panel Strategist: sui corporate bond europei e americani, sul petrolio e sul mercato azionario americano è cresciuta la disparità di vedute, mentre sull’equity italiano ed europeo le view sono rimaste diffusamente positive. Il contesto generale è in effetti più complesso: l’accelerazione della crescita economica è ancora in corso tanto negli Stati Uniti quanto in Europa, ma l’inflazione morde il freno e le Banche Centrali, prima fra tutte la FED, pur considerandola temporanea, sono sempre più vicine a diminuire gli acquisti di titoli sul mercato (tapering).

Dopo i significativi rialzi messi a segno da quasi tutti i mercati nel corso della prima metà dell’anno (S&P500, Nasdaq ed EuroStoxx600 sono su massimi storici assoluti), le stime sul ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Aprile 2021

Per il secondo trimestre 2021 il Panel Strategist conferma pienamente il giudizio positivo sui mercati azionari già espresso tre mesi fa: le prospettive di accelerazione del ciclo economico in quasi tutti i Paesi del mondo, corroborate dall’ingente sostegno fiscale post-pandemico negli Stati Uniti e in Europa, l’aumento della crescita attesa degli utili aziendali, le politiche monetarie ancora ampiamente accomodanti e i rendimenti compressi, in molti casi prossimi allo zero se non negativi, favoriscono le asset class più esposte al rischio, nonostante le valutazioni fondamentali appaiano moderatamente care.

Per il secondo trimestre 2021 il Panel Strategist conferma pienamente il giudizio positivo sui mercati azionari già espresso tre mesi fa: le prospettive di accelerazione del ciclo economico in ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Gennaio 2021

Guardando al 2021 il Panel strategist AIAF registra un diffuso aumento della propensione al rischio, in particolare a beneficio dei mercati azionari. Il generale miglioramento della view sull’equity è dettato dal recupero atteso della crescita economica mondiale, a sua volta indotto dalla diffusione dei vaccini, e dalla prosecuzione degli interventi espansivi delle politiche monetarie e fiscali. I giudizi sull’equity dell’Area Euro e dell’Italia sono migliorati da leggermente positivo a positivo, quello sul Giappone è salito da neutrale a positivo, in concomitanza con un diffuso peggioramento del giudizio sulle asset class obbligazionarie, innescato, quest’ultimo, dal recente balzo delle aspettative di inflazione negli Stati Uniti e dal rialzo dei rendimenti a lunga scadenza che ne è seguito.

Guardando al 2021 il Panel strategist AIAF registra un diffuso aumento della propensione al rischio, in particolare a beneficio dei mercati azionari. Il generale miglioramento della view ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Ottobre 2020

Per il quarto trimestre dell’anno il Panel Strategist mostra un tendenziale miglioramento delle aspettative in merito ai mercati azionari, più che altro perché le alternative di investimento appaiono poco profittevoli: il risk premium (premio al rischio), infatti, continua a favorire l’equity rispetto ai bond, per lo più a causa di tassi e rendimenti a zero o sottozero, favoriti dall’atteggiamento ultra-espansivo delle Banche Centrali, FED e BCE in primis.

Per il quarto trimestre dell’anno il Panel Strategist mostra un tendenziale miglioramento delle aspettative in merito ai mercati azionari, più che altro perché le alternative di investimento ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Luglio 2020

A dispetto di un contesto macro e microeconomico ancora molto incerto, i mercati finanziari mantengono un’intonazione positiva e le asset class più esposte al rischio continuano a sovraperformare, grazie al sostegno delle autorità fiscali e agli interventi delle Banche Centrali. È plausibile che l’umore degli investitori possa restare positivo nelle prossime settimane, sostenuto da eventuali buone nuove in merito al Recovery Fund, per poi scemare a fine estate in vista delle elezioni americane, di risultati aziendali mediamente meno forti del previsto e di dati macroeconomici progressivamente meno brillanti rispetto a quanto registrato in questi ultimi due mesi.

A dispetto di un contesto macro e microeconomico ancora molto incerto, i mercati finanziari mantengono un’intonazione positiva e le asset class più esposte al rischio continuano a ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Aprile 2020

L’impatto della pandemia non è ancora finito. Anche nel secondo trimestre l’emergenza sanitaria dispiegherà i suoi effetti negativi sulle economie di tutto il mondo e sugli utili aziendali, con crolli attesi del PIL nel 2020 per l’Area Euro fino al 10% (-7.6% il consenso Bloomberg per l’Italia). Se da un lato è vero che il crollo dei mercati incorpora già, almeno in parte, un calo massiccio della crescita economica e degli utili aziendali, dall’altro è molto probabile che la volatilità, a causa dell’incertezza, sia destinata a rimanere elevata.

 

L’impatto della pandemia non è ancora finito. Anche nel secondo trimestre l’emergenza sanitaria dispiegherà i suoi effetti negativi sulle economie di tutto il mondo e sugli utili aziendali, ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Gennaio 2020

Il 2020 si apre con un maggiore ottimismo da parte del panel strategist sui mercati azionari, in concomitanza con un tendenziale peggioramento della view sui mercati obbligazionari. Quanto all’equity il giudizio è migliorato da neutrale a leggermente positivo per l’azionario europeo, italiano e giapponese, e da leggermente positivo a positivo per i mercati emergenti. Alla base di questa maggiore propensione al rischio c’è la convinzione di un probabile miglioramento del quadro macroeconomico generale indotto da minori tensioni geopolitiche e da una ripresa della domanda mondiale, in un contesto di Banche centrali ancora accomodanti.

Il 2020 si apre con un maggiore ottimismo da parte del panel strategist sui mercati azionari, in concomitanza con un tendenziale peggioramento della view sui mercati obbligazionari. Quanto ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Ottobre 2019

Il deterioramento del quadro macroeconomico generale, il timore di delusioni sul fronte dei risultati aziendali del 3Q19 e i diffusi focolai geopolitici (trade war, Brexit, scontri ad Hong Kong, crisi siriana) inducono i partecipanti al Panel Strategist alla prudenza, pur mantenendo un cauto ottimismo. Sul fronte azionario scendono da leggermente positivo a neutrale i giudizi sull’equity europeo e italiano: la guerra commerciale pesa ora più sull’Europa che sulla Cina, laddove a fronte del pur parziale accordo raggiunto fra gli Stati Uniti e il Paese asiatico, il focus si è spostato sul Vecchio Continente, contro il quale l’amministrazione Trump sta colpendo più duramente con dazi sulle auto e su importanti prodotti agricoli. In effetti i giudizi restano leggermente positivi solo sull’equity USA e BRICs, proprio in virtù del recente accordo USA-Cina.

Il deterioramento del quadro macroeconomico generale, il timore di delusioni sul fronte dei risultati aziendali del 3Q19 e i diffusi focolai geopolitici (trade war, Brexit, scontri ad Hong Kong, ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Luglio 2019

L’atteggiamento nuovamente espansivo di FED e BCE sta facendo da contraltare al rallentamento economico e alla diminuzione degli utili aziendali, riuscendo a sostenere i mercati finanziari nonostante le incertezze geopolitiche internazionali e la guerra commerciale sino-americana. La retorica ultra-accomodante delle Banche Centrali convince gli investitori a rimanere investiti e induce un diffuso ottimismo fra gli strategist: fra il secondo ed il terzo trimestre è marginalmente migliorato il giudizio del Panel sull’equity dell’Area Euro e sul mercato azionario italiano da neutrale a leggermente positivo.

L’atteggiamento nuovamente espansivo di FED e BCE sta facendo da contraltare al rallentamento economico e alla diminuzione degli utili aziendali, riuscendo a sostenere i mercati finanziari ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Aprile 2019

Il consenso che emerge dal Panel Strategist è moderatamente ottimista, con un marginale miglioramento della view per l’equity emergente, il cui giudizio passa da leggermente positivo a positivo, e per i corporate bond USA, per i quali la view da leggermente negativa diventa neutrale. Migliorano anche le aspettative sull’euro, nei confronti sia del dollaro (euro da leggermente positivo a positivo) sia dello yen (euro da neutrale a leggermente positivo).

Il consenso che emerge dal Panel Strategist è moderatamente ottimista, con un marginale miglioramento della view per l’equity emergente, il cui giudizio passa da leggermente positivo a ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Gennaio 2019

All’alba del 2019 gli strategist appaiono abbastanza divisi nei giudizi sulle singole attività di investimento; solo su 3 asset class fra le 16 monitorate c’è abbastanza concordanza di giudizio: si tratta di una modesta positività sull’equity USA e sul prezzo del petrolio e di una modesta negatività sui governativi tedeschi. Per il resto la dispersione delle stime è piuttosto elevata fra i partecipanti al Panel Strategist.

All’alba del 2019 gli strategist appaiono abbastanza divisi nei giudizi sulle singole attività di investimento; solo su 3 asset class fra le 16 monitorate c’è abbastanza concordanza di ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Ottobre 2018

Dopo un luglio positivo il portafoglio ottimizzato ha gestito molto bene la volatilità di agosto e settembre, ed ha chiuso il trimestre battendo il benchmark di 24bps: +1.13% è stato il risultato in € (+0.90% in local currency) raggiunto dal portafoglio ottimizzato fra il 29 giugno e il 28 settembre, rispetto al +0.89% del benchmark (+0.69% in local currency). Il principale contributo positivo alla performance è derivato dall’azionario americano, sul quale il portafoglio era sovraesposto, in scia alla view positiva del consenso.

Dopo un luglio positivo il portafoglio ottimizzato ha gestito molto bene la volatilità di agosto e settembre, ed ha chiuso il trimestre battendo il benchmark di 24bps: +1.13% è stato il ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Luglio 2018

Le view degli strategist si sono fatte più prudenti: fra i mercati azionari l’unico che mantiene un giudizio di modesta positività è quello americano; gli altri sono stati tutti rivisti al ribasso da positivi a neutrali. I motivi sono evidentemente la guerra commerciale e la forza del dollaro, che spingono i flussi di capitali di tutto il mondo a dirigersi verso gli Stati Uniti, in concomitanza con un rallentamento, sempre più atteso e visibile, della crescita economica mondiale.

Le view degli strategist si sono fatte più prudenti: fra i mercati azionari l’unico che mantiene un giudizio di modesta positività è quello americano; gli altri sono stati tutti rivisti al ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Aprile 2018

La recrudescenza della volatilità che ha caratterizzato i primi tre mesi dell’anno si riverbera, seppur in maniera tutto sommato contenuta, sulle aspettative per il secondo trimestre: sono infatti scesi, anche se solo marginalmente, i giudizi tanto sull’equity quanto sui bond, sebbene il consenso abbia mantenuto una spiccata preferenza per i mercati azionari rispetto a quelli obbligazionari: fra i primi è sceso da positivo a leggermente positivo il giudizio sull’equity USA, restando invariata la view sulle altre asset class azionarie..

 

La recrudescenza della volatilità che ha caratterizzato i primi tre mesi dell’anno si riverbera, seppur in maniera tutto sommato contenuta, sulle aspettative per il secondo trimestre: sono ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Gennaio 2018

Il 2018 si apre con una chiara conferma dell’ottimismo da parte degli operatori, complice una crescita economica solida, diffusa e sincronizzata a livello mondiale: per tutte le asset class azionarie il giudizio è largamente positivo, con l’equity USA che guadagna attrattività passando da neutrale a positivo. I mercati azionari emergenti sono l’unica asset class a guadagnare la piena fiducia di tutti i partecipanti al panel strategist, azzerando la volatilità dei giudizi, seguita dal mercato azionario italiano sul quale i giudizi sono tutti positivi tranne uno, che comunque si ferma alla neutralità.

Il 2018 si apre con una chiara conferma dell’ottimismo da parte degli operatori, complice una crescita economica solida, diffusa e sincronizzata a livello mondiale: per tutte le asset class ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Ottobre 2017

La view di consenso degli strategist è rimasta per lo più invariata ad ottobre, con marginali revisioni al ribasso per l’equity USA e per il petrolio, il cui giudizio, per entrambi, è passato da leggermente positivo a neutrale.
Le ottime performance delle due asset class hanno spinto a qualche presa di profitto, laddove, per quanto riguarda il mercato americano, le valutazioni fondamentali appaiono care.

La view di consenso degli strategist è rimasta per lo più invariata ad ottobre, con marginali revisioni al ribasso per l’equity USA e per il petrolio, il cui giudizio, per entrambi, è ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Luglio 2017

La view del Panel Strategist per il terzo trimestre è quasi invariata rispetto ai tre mesi precedenti: è leggermente migliorato il giudizio sull’equity USA, salito da neutrale a leggermente positivo, una volta rientrati i timori indotti dalla potenziale politica protezionista paventata all’inizio dell’anno, nonostante la mancata realizzazione dell’espansione fiscale promessa dall’attuale amministrazione.

Il giudizio sul mercato monetario è passato da neutrale a leggermente negativo, complice l’attesa di politiche monetarie sempre meno espansive da parte di FED e BCE; infine è migliorato, di misura, il giudizio sul dollaro passato da leggermente negativo a neutrale.

La view del Panel Strategist per il terzo trimestre è quasi invariata rispetto ai tre mesi precedenti: è leggermente migliorato il giudizio sull’equity USA, salito da neutrale a leggermente ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Aprile 2017

Per il secondo trimestre dell’anno la view di consenso mostra un chiaro indebolimento delle aspettative degli strategist in merito al reflation trade, con gli Stati Uniti che vedono peggiorare il giudizio in termini sia di mercato azionario, sia valutario: la view sull’equity USA scende infatti da leggermente positiva a neutrale, in concomitanza con il peggioramento delle stime sul dollaro che si materializzano in un miglioramento da neutrale a leggermente positivo del giudizio sul cambio €/$.

 

Per il secondo trimestre dell’anno la view di consenso mostra un chiaro indebolimento delle aspettative degli strategist in merito al reflation trade, con gli Stati Uniti che vedono peggiorare ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Gennaio 2017

All’inizio del 2017 il Panel Strategist fa registrare un miglioramento delle aspettative sui mercati azionari ed un peggioramento su quelli obbligazionari, sposando pienamente la view reflattiva che domina la scena a partire dell’elezione di Trump a Presidente degli Stati Uniti: politica fiscale ultra-espansiva, minori tasse, più spesa pubblica, accelerazione dei consumi, crescita economica, inflazione.

All’inizio del 2017 il Panel Strategist fa registrare un miglioramento delle aspettative sui mercati azionari ed un peggioramento su quelli obbligazionari, sposando pienamente la view ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Ottobre 2016

Qualcosa è cambiato sui mercati obbligazionari: l’atteggiamento meno accomodante della FED rende più vicino il momento del prossimo rialzo dei tassi ufficiali, in concomitanza con una BCE che pur restando ampiamente accomodante lascia tuttavia intendere come rendimenti troppo bassi o negativi sulle scadenze più lunghe delle curve non siano più di supporto né all’economia reale, né alle aspettative di inflazione.

Qualcosa è cambiato sui mercati obbligazionari: l’atteggiamento meno accomodante della FED rende più vicino il momento del prossimo rialzo dei tassi ufficiali, in concomitanza con una BCE che ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Luglio 2016

Nonostante la Brexit e l’ondata di volatilità che l’ha seguita, per il terzo trimestre dell’anno il consenso degli strategist ostenta ottimismo sulla componente azionaria, e in generale sulle asset class più rischiose: rispetto al trimestre precedente, infatti, è migliorato il giudizio sull’equity USA, passato da neutrale a leggermente positivo, e sull’azionario BRICs, per il quale la view è migliorata da leggermente positiva a positiva.

Nonostante la Brexit e l’ondata di volatilità che l’ha seguita, per il terzo trimestre dell’anno il consenso degli strategist ostenta ottimismo sulla componente azionaria, e in generale ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Aprile 2016

Il consenso in aprile ha limato il giudizio di positività sull’azionario giapponese da positivo a leggermente positivo, premiando invece l’equity emergente, per il quale la view è passata da neutrale a leggermente positiva.
A livello obbligazionario restano (ostinatamente) negativi i giudizi sui governativi americani e dell’Area Euro, con un miglioramento della view sui corporate europei, complice la BCE che ha esteso il quantitative easing a questo tipo di emissioni, e sui bond dei Paesi emergenti, per i quali sta migliorando lo scenario se non in ottica macroeconomica, quanto meno sotto il profilo delle valutazioni.

 

Il consenso in aprile ha limato il giudizio di positività sull’azionario giapponese da positivo a leggermente positivo, premiando invece l’equity emergente, per il quale la view è passata ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Gennaio 2016

All’inizio del 2016 si è registrata un’impennata della volatilità a causa di nuove turbolenze provenienti dalla Cina: il Governo del gigante asiatico, infatti, già nei primissimi giorni di gennaio ha svalutato ulteriormente il cambio, dando la sensazione di un rallentamento dell’economia cinese più ampio di quanto il Governo stesso lasci trapelare.
A fronte di un inizio anno decisamente atipico e fortemente negativo, tuttavia il consenso del Panel Strategist AIAF indica un perdurante ottimismo da parte degli investitori, soprattutto per quanto riguarda le asset class azionarie

All’inizio del 2016 si è registrata un’impennata della volatilità a causa di nuove turbolenze provenienti dalla Cina: il Governo del gigante asiatico, infatti, già nei primissimi giorni di ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Settembre 2015

Nonostante lo shock di agosto originato dalla crisi in Cina abbia penalizzato i mercati più a rischio, tuttavia la view degli investitori sui mercati azionari è rimasta, in media, positiva anche in settembre, con solo qualche moderata limatura verso il basso per quanto riguarda l’equity Giappone e quello dei Paesi Emergenti: il giudizio passa da positivo a leggermente positivo per l’azionario giapponese, e peggiora da leggermente positivo a leggermente negativo per l’azionario BRICs.

Nonostante lo shock di agosto originato dalla crisi in Cina abbia penalizzato i mercati più a rischio, tuttavia la view degli investitori sui mercati azionari è rimasta, in media, positiva ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Luglio 2015

I cambiamenti della view di consenso per il 3Q15 sono minimali rispetto ai giudizi espressi tre mesi fa: complessivamente migliorano marginalmente le aspettative sull’azionario, grazie all’equity USA il cui giudizio passa da neutrale a leggermente positivo, e peggiorano quelle sull’obbligazionario, laddove scende a neutrale da positiva la view sui governativi italiani e dei mercati emergenti.

I cambiamenti della view di consenso per il 3Q15 sono minimali rispetto ai giudizi espressi tre mesi fa: complessivamente migliorano marginalmente le aspettative sull'azionario, grazie all'equity ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Aprile 2015

In aprile il consenso conferma l’ottimismo sulla componente azionaria, con marginali modifiche del giudizio sull’equity USA, che scende da leggermente positivo a neutrale, e sull’equity BRICs che, al contrario, sale da neutrale a leggermente positivo. All’interno della componente obbligazionaria la view migliora per i governativi italiani e per i bond dei mercati emergenti, passando da leggermente positiva a positiva per entrambe le asset class.

 

In aprile il consenso conferma l'ottimismo sulla componente azionaria, con marginali modifiche del giudizio sull'equity USA, che scende da leggermente positivo a neutrale, e sull'equity BRICs ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Gennaio 2015

All’inizio del 2015 il consenso di mercato continua a privilegiare l’investimento azionario rispetto a quello obbligazionario, con le aree geografiche europee ed italiana le favorite. In particolare, sottolineiamo come la totalità degli strategist sia positiva sull’azionario Area Euro; al contrario, le asset class con la maggiore dispersione dei giudizi sono l’€/$, il petrolio e i bond dei mercati emergenti. Rispetto al trimestre precedente la view è migliorata, seppure in maniera marginale, sull’azionario giapponese (da leggermente positiva a positiva), sull’euro contro dollaro (da negativa a debolmente negativa), sull’euro contro yen (da leggermente positiva a positiva) e sull’oro (da leggermente negativa a neutrale).

All'inizio del 2015 il consenso di mercato continua a privilegiare l'investimento azionario rispetto a quello obbligazionario, con le aree geografiche europee ed italiana le favorite. In ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Ottobre 2014

Per gli ultimi tre mesi dell’anno il consenso mantiene la positività sui mercati azionari, con un leggero miglioramento del giudizio sull’equity USA che passa da neutrale a leggermente positivo, in concomitanza con un deterioramento delle aree Giappone e BRICs, per le quali la view scende da positiva a solo leggermente positiva. Evidenziamo come l’equity Euro e l’equity Italia siano le sole asset class nelle quali nessuno dei partecipanti al panel abbia espresso un giudizio negativo.

Per gli ultimi tre mesi dell'anno il consenso mantiene la positività sui mercati azionari, con un leggero miglioramento del giudizio sull'equity USA che passa da neutrale a leggermente positivo, ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Luglio 2014

Il consenso degli strategist per il 3Q14 indica ancora una preferenza per i mercati azionari e per le asset class più rischiose.
A fronte di una riduzione del giudizio sull’equity USA, che passa da positivo a neutrale, è invece migliorato il consensus sull’equity Giappone e sui Mercati Emergenti. Restando in ambito equity, i mercati Italia, Giappone e Mercati Emergenti non fanno registrare alcun giudizio negativo, e l’equity Italia vanta oltre il 70% di giudizi positivi, livello più alto fra tutte le asset class in portafoglio.

Il consenso degli strategist per il 3Q14 indica ancora una preferenza per i mercati azionari e per le asset class più rischiose. A fronte di una riduzione del giudizio sull'equity USA, che ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Marzo 2014

La view di mercato del Panel Strategist predilige ancora l’esposizione azionaria rispetto a quella obbligazionaria, rispecchiando le attese di accelerazione della crescita economica nei Paesi sviluppati e di un sempre più probabile, sebbene misurato, atteggiamento meno espansivo da parte della FED. La bontà dei dati macroeconomici e della maggioranza dei risultati aziendali del 1Q14 ha indotto il consenso ad essere più ottimista sull’equity USA, per la quale asset class il giudizio è salito da leggermente positivo a positivo, a fronte però di un deterioramento della valutazione sull’equity giapponese che è passata da positiva a leggermente positiva.

 

La view di mercato del Panel Strategist predilige ancora l’esposizione azionaria rispetto a quella obbligazionaria, rispecchiando le attese di accelerazione della crescita economica nei Paesi ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Gennaio 2014

All’inizio del 2014 il consenso è positivo sulle asset class azionarie, soprattutto per quanto riguarda il mercato europeo, in particolare i periferici (Italia), con qualche cautela nei confronti dei mercati emergenti, laddove molti contributori, a dispetto di una view complessivamente neurale, hanno espresso pareri negativi. Moderato ottimismo appare sulle azioni americane. Rispetto al trimestre precedente è diminuita la positività sull’equity Mercati Emergenti (scesi da +/2 a neutrali).

All’inizio del 2014 il consenso è positivo sulle asset class azionarie, soprattutto per quanto riguarda il mercato europeo, in particolare i periferici (Italia), con qualche cautela nei ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Ottobre 2013

Ad ottobre il consenso esprime una view più prudente rispetto al trimestre precedente sull’equity USA (da positivo a leggermente positivo), a vantaggio dell’equity emergente il cui giudizio passa da neutrale a leggermente positivo. Risultano invariate, con giudizio positivo, le altre asset class azionarie. Nel comparto obbligazionario le modifiche alla view riguardano l’area corporate euro e governativo italiano, per le quali il giudizio sale da leggermente positivo a positivo, seguite dai bond dei mercati emergenti dove il giudizio di neutralità dello scorso trimestre lascia il posto ad un leggero ottimismo.

Ad ottobre il consenso esprime una view più prudente rispetto al trimestre precedente sull’equity USA (da positivo a leggermente positivo), a vantaggio dell’equity emergente il cui giudizio ...
Riservato ai soci

Il Portfolio Luglio 2013

Il consenso AIAF di luglio evidenzia una spiccata preferenza per l’equity, seguito dal segmento corporate che tuttavia vede molto ridotta l’attrattività rispetto al trimestre precedente, in concomitanza con una view tendenzialmente negativa sulle asset class obbligazionarie governative; a livello globale, pertanto, la tendenza già evidenziata ad aprile, appare confermata.

Il consenso AIAF di luglio evidenzia una spiccata preferenza per l’equity, seguito dal segmento corporate che tuttavia vede molto ridotta l’attrattività rispetto al trimestre precedente, in ...
Riservato ai soci

Il presente documento (il Documento) è redatto e distribuito dall’Associazione Italiana per l’Analisi Finanziaria (AIAF) in forma elettronica per i propri associati (i Soci). Il Documento è destinato esclusivamente alla consultazione da parte dei Soci e viene diffuso per mera finalità informativa e illustrativa sulla base di fonti fornite da terzi; esso non intende in alcun modo sostituire le autonome e personali valutazioni che i singoli destinatari del Documento sono tenuti a svolgere prima della conclusione di qualsiasi operazione per conto proprio o in qualità di mandatari.
Le informazioni e i dati contenuti nel presente Documento si basano su fonti ritenute affidabili ed elaborate in buona fede alla data di redazione dello stesso. Qualsiasi riferimento diretto o indiretto a emittenti o titoli non è, né deve essere, inteso quale offerta di acquisto o vendita di strumenti finanziari di qualsiasi tipo.
Le informazioni e i dati contenuti nel presente documento non costituiscono una ricerca in materia di investimenti o una raccomandazione, una sollecitazione né

un’offerta, un invito ad offrire o un messaggio promozionale finalizzato alla sottoscrizione, vendita, acquisto, scambio, detenzione o all’esercizio di diritti relativi a prodotti o strumenti finanziari o qualsiasi investimento in emittenti in esso eventualmente menzionati. Il presente documento non costituisce consulenza e non può in alcun modo essere considerato come una raccomandazione personalizzata ovvero come prestazione di un servizio di consulenza in materia di investimenti, in quanto non tiene in alcun conto le caratteristiche, la situazione finanziaria e degli obiettivi di investimento dei soci ai quali viene trasmesso.
AIAF non può essere in alcun modo ritenuta responsabile di eventuali perdite determinate dall’utilizzo del documento. Procedendo alla lettura di questo documento si accettano automaticamente tutte le limitazioni e le avvertenze precedentemente riportate.