2017, n. 103 - II Rivista AIAF online

* La presente pagina potrebbe contenere allegati visibili ai soli soci ed abbonati previa autenticazione tramite il form di login

Due modi di vedere la congiuntura (e i problemi) dell’Unione Europea. Giovanni Bottazzi, con la consueta capacità analitica, passa ai raggi X uno dei problemi strutturali che gravano sugli equilibri dell’Eurozona: il surplus crescente della Germania che mette sotto pressione i rapporti tra i partners ed è una delle ragioni del contenzioso con gli Usa. All’origine del fenomeno, in contrasto con le direttive comunitarie, c’è, sottolinea l’autore, la struttura stessa dell’euro, troppo debole per la forza dell’economia tedesca che trae così vantaggio dal gap con i Paesi più deboli della Comunità.

Diverso l’approccio di Veronica De Romanis, autrice di un fortunato saggio: l'’austerità, è la tesi, non è un macigno imposto all’economia italiana ma, se ben interpretata, l’occasione per rimuovere svantaggi storici che frenano la nostra crescita.

Andrea Gasperini, Federica Doni e Emanuele Plata hanno approfittato del confronto tra esperti del mondo social responsible ed operatori del mondo finanziario italiano ed internazionale al Convegno indetto da AIAF, Università della Bicocca e Plef, per condurre un sondaggio sull’evoluzione del confronto su clima, mercati e responsabilità sociale ai tempi di Donald Trump.

Robert Shiller, lo studioso che ha dato vita al più importante indice del mercato immobiliare americano, autore del saggio che denunciò “l’esuberanza irrazionale” Wall Street alla vigilia dello scoppio della Borsa, esamina lo stato d’animo dell’economia dopo la lunga depressione: come negli anni Trenta la stagnazione è dura a morire anche per lo shock che pesa ancora sugli umori del mercato.

E’ in questa cornice che le Borse stanno affrontano la scommessa più delicata: il rialzo progressivo dei tassi Usa verso livelli “normali”: è questo il tema dell’analisi tecnica del team composto da Alessandro Magagnoli, Claudia Cervi e Mauro Rotunno.

Il socio Bruno Ricci affronta il tema della “presunta” distinzione tra controllo contabile e controllo legale. In realtà, è la sua tesi, la distinzione non ha ragion d’essere. Il controllo non può risolversi in una mera verifica formale quasi a ridursi ad un riscontro contabile ma deve comprendere anche il riscontro tra la realtà e la sua rappresentazione.

Editoriale
Banche venete, o i Madoff de noantri - A cura della Direzione
Politica economica
L‘euro e la fortuna della Germania - di Giovanni Bottazzi
Politica economica
L’austerità è un’eresia buona. A colloquio con Veronica De Romanis - di Franco Locatelli
Finanza sostenibile
Clima, Investimenti verdi e Trump: i risultati della survey AIAF-UNIMIB-PLEF - di Andrea Gasperini, Federica Doni e Emanuele Plata
Scenari futuri
Nel 2067 il mondo sarà migliore? Forse... - di Kaumil Bashu
Finanza comportamentale
Il pessimismo che è dentro di noi - di Ronert Shiller
Bilancio e Fisco
Il controllo legale e contabile - di Bruno Ricci
Analisi Tecnica
Azionario Usa, Europa e Cina dopo i rialzi della Fed - di Alessandro Magagnoli, Claudia Cervi e Mauro Rotunno